Gestione e crescita delle risorse umane

Salute e benessere: la chimica del buon manager

Chimica del buon manager

Riferendoci al report 2022 dell’autorevole istituto CIPD (Chartered Institute of Personnel and Development) le figure manageriali in azienda sono divenute, in questi ultimi anni, molto più sensibili alla salute e al benessere dei propri dipendenti. 

È altresì vero che il livello di engagement del team è spesso considerato responsabilità del manager; ciò dipende dalla qualità del rapporto umano che lo stesso manager è in grado di instaurare con i propri collaboratori.  

Approfondiamo l’argomento grazie al supporto del nostro Senior Consultant Michele Prete, fondatore di Ad Maiora Coaching & Training Studio. 

> Che impatto ha la qualità della relazione tra manager e diretti collaboratori? 

Per rispondere alla domanda, prendiamo come esempio il report “State of the American Manager”: quest’ultimo deriva da quarant’anni di ricerca e analisi sulla figura manageriale. Il report afferma che: 

  • Un cattivo Manager è deleterio per i dipendenti non solo per il fatto che si sentono infelici nel posto di lavoro; quelle sensazioni spiacevoli li seguono anche a casa aggravando i livelli di stress;
  • le persone non abbandonano le Aziende, abbandonano Manager con cui non riescono a comunicare;
  • le Aziende devono dedicare più attenzione alla formazione ed allo sviluppo di buoni Manager per poi iniziare a far sapere al mondo che questi buoni Manager lavorano per loro. 

Questi dati possono sembrare strettamente legati ai comportamenti. Tuttavia, la neurobiologia interpersonale ha scoperto una forte correlazione chimica tra la qualità delle azioni manageriali ed il mantenimento di un team sano e coeso.

> Come è stato possibile studiare la natura di questa correlazione?

Approfondendo temi come la neuro-plasticità cerebrale e il ruolo dei neuroni specchio, i ricercatori sono giunti alle evidenze scientifiche che le emozioni, il linguaggio ed i pensieri di un singolo hanno il potere di avere un effetto, nel bene e nel male, sugli stati mentali delle altre persone. 

A registrare tutti questi stimoli è una struttura ovoidale che si trova nel nostro cervello: l’amigdala. Questo insieme di ghiandole è il nostro sistema d’allerta primitivo e rilascia nel corpo ormoni e sostanze chimiche reagendo ai segnali interni ed esterni che riceve ed interpreta. 

Del cortisolo, per esempio, comunemente conosciuto come ormone dello stress, viene aumentata la produzione sul posto di lavoro in riflesso ad alcuni comportamenti, fra i quali: 

  • sentirsi poco ascoltati; 
  • sentirsi poco apprezzati; 
  • subire mancanze di rispetto o ingiustizie; 
  • sentirsi esclusi dal gruppo; 
  • esser forzati a rispettare scadenze non realistiche. 

> Quali sono le conseguenze di questa tipologia di stress? 

Lo stress eccessivo causato da figure manageriali poco competenti provoca un lento soffocamento della felicità e della produttività del gruppo di lavoro. Sotto stress il cervello dei collaboratori riduce o arresta la produzione di sostanze chimiche positive, il che abbassa drasticamente le loro performance. 

Questo causa danni professionali, come: 

  • la diminuzione della capacità creativa; 
  • la riduzione dell’efficacia del problem solving; 
  • la riduzione delle capacità decisionali strategiche. 

> Rimanendo a tema, qual è la cosiddetta “chimica” del buon manager? 

Per aumentare il coinvolgimento, migliorare il clima aziendale e cambiare rotta rispetto a quanto visto sopra, il Manager può iniziare a stimolare la produzione di due neuro-trasmettitori specifici: la Serotonina e la Dopamina

La prima governa il senso di felicità e di appagamento; la seconda si attiva con piaceri immediati e bisogni soddisfatti di ricompense. Entrambi sono neuro-trasmettitori, ma funzionano in modo molto diverso e possiamo ottenere il meglio da loro solo quando riusciamo a farli lavorare insieme. 

> È possibile definire delle linee guida per aiutare il manager ad agire consapevolmente? 

Per iniziare a farlo, presentiamo otto suggerimenti pratici che rivolgiamo ai Manager al fine di modificare positivamente la chimica di sé stessi e del proprio team: 

  • salutare tutti e guardare negli occhi le persone quando si parla; 
  • rispettare i singoli collaboratori, i loro sentimenti e le loro emozioni; 
  • attribuire le mansioni dei collaboratori in base alle loro capacità, competenze ed aspirazioni; 
  • definire chiaramente ruoli e responsabilità; 
  • investire tempo nell’ascolto empatico; dedicandosi col cuore alla crescita di chi ci sostiene col proprio lavoro; 
  • creare canali di comunicazione aperti ed opportunità di genuina interazione sociale fra tutti; 
  • investire nello sviluppo delle proprie capacità manageriali, come il coaching, l’intelligenza emotiva e la leadership; 
  • donare opportunità di formazione aziendale legandole a piani di promozione ed incentivazione. 

Queste pratiche aiutano a costruire quello che lo psicologo della Stanford University Leor Hackel definisce “senso di reciprocità “: nella sua ricerca, ha scoperto che “attraverso azioni e parole empatiche coerenti, si sviluppa un senso di coesione emotiva tra le persone”. 

Creare team chimicamente empatici è quindi molto prezioso per la Leadership Aziendale. 

I team empaticamente connessi sono infatti più intelligenti, più creativi e generalmente più efficaci perché il tutto viene sempre percepito più grande della somma delle sue parti

E voi, quanta importanza date attualmente alla chimica dei vostri team? 

© CENTRO STUDI ORIENS

A cura di

Partner Consultant - Coaching, Comunicazione e Leadership

Profilo autore

Controllo di Gestione

Analisi e dati di bilancio. Termini di confronto: la definizione del campione 01.

Terzo articolo dedicato alle analisi basate sui dati di bilancio: il nostro Partner Consultant Stefano Aio ci spiega come scegliere…

$

Quando la comunicazione non narra il vero valore dell’offerta dell’Azienda 02.

Cause e soluzioni possibili per massimizzare l’efficacia della comunicazione Uno dei punti critici che evidenzio spesso, soprattutto in ambito PMI,…

$

Il nuovo paradigma della GDO – Strategie per i “Solution Provider” 03.

NUOVI CONSUMI E NUOVI CLIENTI In un precedente articolo, “Cliente e reparti “Destination”, abbiamo spiegato come il cliente sia sempre…

$

Organizzare

Recuperare efficienza in azienda: un must assoluto che passa per il riordino 04.

Come in casa, anche in azienda c’è bisogno di mettere ordine e rendere le informazioni accessibili a tutti. Scopriamo come…

$

Cliente e reparti “Destination” – Il nuovo paradigma della GDO 05.

NUOVI CONSUMI E NUOVI CLIENTI Lo scenario della GDO, da sempre veloce nei cambiamenti e in costante evoluzione, ha subito…

$

Controllo di Gestione, Digitalizzare, Trasformazione digitale

L’Intelligenza Artificiale nel Sistema di Controllo di Gestione  06.

Piccolo dizionario ragionato: concetti centrali e applicazione dell’IA nei principali ambiti del controllo di gestione. Pianificazione Strategica  La pianificazione strategica…

$

Nuovo incontro per il ciclo Calici d’Innovazione Primavera/Estate 2024 07.

Fabbrica delle mie brame… qual è la più efficiente del reame Dalla cultura della macchina a quella del dato intelligente,…

$

Suggerimenti fondamentali per affrontare col piede giusto la scelta e l’implementazione del nuovo ERP in azienda. 08.

Se state per intraprendere il percorso di cambio di sistema informativo, potrebbero esservi utili questi 5 suggerimenti, 5 trucchi da…

$

Crescere, Organizzare, Organizzazione amministrativa e commerciale

WORLD ECONOMIC FORUM 2024: cosa è emerso dalla riunione annuale a Davos 09.

Non sono buone le premesse, ma la prospettiva di trovare soluzioni chiave ai grandi snodi mondiali è a portata di…

$

Crescere, Organizzare

Gestione del tempo e delle priorità 010.

Area Organizzativa – Soft Skills Il settore Retail & GDO è uno dei più complessi, ma anche uno dei più…

$

Crescere, Organizzare, Pianificazione e controllo

Analisi e dati di bilancio: dall’osservazione interna all’analisi esterna 011.

La seconda riflessione relativa alle analisi basate sui dati di bilancio Questo secondo articolo dedicato alle analisi basate sui bilanci…

$

Crescere, Organizzare, Organizzazione amministrativa e commerciale

C.F.O. e Big Data: perché funzionano. Davvero. 012.

Secondo capitolo di un’analisi cruciale nella trasformazione del ruolo del C.F.O. in azienda In un precedente articolo abbiamo elencato le…

$

Digitalizzare, Organizzare

La tracciabilità delle Bevande e del Vetro Cavo 013.

Premessa L’utilizzo di sistemi digitali fa parte dell’approccio Industria 4.0 al controllo del processo produttivo. La digitalizzazione ha tra i…

$

Pianificazione e controllo

Analisi e dati di bilancio: una connessione da riscoprire 014.

Al via la nuova serie di riflessioni relative alle analisi basate sui dati di bilancio: 10 occasioni di approfondimento e…

$

Crescere, Organizzare, Organizzazione amministrativa e commerciale

La tua azienda è pronta per il nuovo ERP? 015.

Quando l’ERP diventa il capro espiatorio di ogni inefficienza aziendale, è il momento di provare a farsi le domande giuste….

$

Crescere, Organizzare

Reclamo al punto vendita: ottima notizia! 016.

Customer Experience – La gestione del reclamo. “L’azione più motivante che una persona può fare per un’altra è ascoltarla” –…

$

Crescere, Organizzare, Organizzazione amministrativa e commerciale

CFO: un ruolo in evoluzione. Dall’area amministrativa alla gestione globale dell’azienda 017.

Le trasformazioni e i cambiamenti a cui va incontro il ruolo del CFO con l’avvento dell’economia 4.0 e dell’intelligenza artificiale…

$

Crescere, Organizzare

Spostare il MIX sui freschi sembra sempre l’idea migliore. Oppure no? 018.

L’area Commerciale e il corretto Mix tra prodotti Freschi e Secchi nella GDO L’aggregazione dei prodotti Secchi e Freschi, e…

$

Organizzare, Ottimizzazione dei processi aziendali

HUB BEVERAGE E VETRO CAVO: un caso pratico di sinergia tra tecnologie di produzione, sostenibilità e Industria 4.0 019.

Le bevande alimentari ed il vetro cavo rappresentano un importante terreno di applicazione per le moderne tecnologie di produzione e…

$

La magia del Reparto Ortofrutta: controlla 15, recuperi 60! 020.

L’area Gestionale e la gestione “scarti” prodotti deperibili. Sapevi che mettendo sotto controllo solo il 15% dei prodotti freschi più “scartati” del Reparto Ortofrutta, puoi ridurre il…

$

“È tempo di agire”: i fattori chiave per allinearsi al mercato 021.

“Ci sono due tipi di imprese: quelle che cambiano e quelle che scompaiono.” Questa citazione di Philip Kotler è un’istantanea…

$

L’agroalimentare: un settore sotto stress 022.

Gli italiani si trovano ad affrontare un’inarrestabile inflazione, la più alta degli ultimi 40 anni. Questa è dovuta in parte…

$

Crescere, Crescita equilibrata e sostenibile, Digitalizzare

Favorire l’innovazione: organizzare l’azienda per attivare i ricettori e avviare il cambiamento 023.

In un mondo iper-connesso, con facile accesso praticamente a qualsiasi tecnologia, il rischio di obsolescenza dell’offerta che ha reso grandi…

$

HTF Group: nasce Mas Plus, la nuova frontiera nella verticalizzazione settoriale del controllo di gestione  024.

Orizzonti futuri sempre più vicini  Nuovo traguardo messo a segno da HTF: a pochissimi mesi dalla sua costituzione, la holding…

$

Nasce EXOLVE, l’integratore di filiera per la crescita e lo sviluppo delle aziende del serramento. 025.

Trova nuovi spazi di impresa la riconosciuta competenza di Giuseppe Piazza e Luca Realdon nel mondo del serramento. Una frequentazione…

$

Pronto a raccontarci il tuo progetto?

Voglio essere contattato dal vostro team.

    Scopri di più