Gestione e crescita delle risorse umane

Crescita personale: l’altra faccia della medaglia

Il mercato della crescita personale è stato valutato a 38,28 miliardi di dollari nel 2019, con una previsione di crescita annuale a tasso composto (CAGR) del 5,1% dal 2020 al 2027.

Un bel business.

Sono infatti milioni le persone che ogni anno in tutto il mondo si avvicinano e nutrono quest’industria, e le principali motivazioni che le spingono sono[1]:

  • la volontà di soddisfare le aspettative della propria azienda, sviluppando le proprie capacità;
  • la crescente consapevolezza del bisogno di auto realizzazione;
  • la ricerca della felicità.

A dare man forte allo sviluppo di questi trend esistono quintali di letteratura, libri, articoli e blog che parlano di tutti i benefici di questi percorsi, di come essi possano cambiare la vita e di come l’investire nella propria crescita personale e nell’auto miglioramento sia fondamentale al giorno d’oggi. Di contro, poco o nulla è stato scritto su quelli che possono essere i rischi, le trappole e gli inganni che si celano dietro a un mondo che ammalia e seduce molte persone.

Con questo contributo, desidero condividere delle riflessioni volte a considerare anche “il lato oscuro della crescita personale”, ovvero un’analisi delle trappole e delle minacce che spesso, inevitabilmente, chi si avvicina a questo mondo può sperimentare. Dico inevitabilmente perché alcune, quando gestite con consapevolezza, possono essere funzionali e parte del percorso stesso; mentre altre vengono ampiamente pompate dai sedicenti guru e santoni della formazione, che ne fanno la loro incantevole ragnatela.

E di una trappola, la prima volta, ci si rende conto solo quando ci si è dentro.

Intraprendere un percorso di crescita personale è spesso una pulsione determinata da un bisogno di fondo di mancanza: si percepisce un punto di domanda, un vuoto di consapevolezza, la necessità di avere delle risposte che possano porre fine alla transitoria sensazione di trambusto interiore. Questa predisposizione iniziale è il terreno fertile per inciampare nella più grande trappola di questa industria, ovvero l’ossessione da crescita personale.

La falsa illusione di onnipotenza, il fatto che con l’impegno e lo sforzo costante tutto possa essere controllato e cambiato, è ciò che molti dei percorsi di crescita personale divulgano purtroppo come panacea di tutti i mali.  Questo modello malsano e distorto cattura le proprie prede e le ingabbia sotto diversi punti di vista.

Controllo

Trovare routine migliori, mangiare più sano, fare più esercizio, essere più produttivi, più equilibrati, essere più impegnati nel lavoro con progetti nuovi, essere più attenti ad avanzare nel viaggio spirituale; così, all’infinito. Questa costante ricerca di miglioramento cela in sé un presupposto molto pericoloso: non vado bene come sono ora e difficilmente mi andrò bene in futuro. Mancando di accettare sé stessi in toto o in parte, si spalancano le porte a chi ha per noi tutte le soluzioni. Abili comunicatori, santoni e guru delle varie formazioni conoscono alla perfezione i meccanismi che installano nelle persone la credenza di sentirsi di meno e, di conseguenza, volere di più. Spesso, infatti, i modelli e gli esempi che vengono portati nelle aule e nei seminari sono funzionali a creare nei partecipanti paragoni subdoli e di per sé insostenibili, facendoli giungere alla fine del corso di formazione con un cocktail letale di eccitazione, adrenalina e delirio di onnipotenza. Passata la sbornia post corso e ritornati prepotentemente nel mondo reale, l’eccitazione e le endorfine lasciano presto il testimone a una crescente sensazione di disagio. Che cosa sto sbagliando? Perché non funziona con me? O forse sono io che non funziono? Spinti dal sacro mantra “puoi farcela anche tu” e da un rinnovato spirito di controllo ossessivo, ci si ritrova a monitorare ogni attimo dell’esistenza, paragonandosi continuamente con questi “totem perfetti” ed elaborando giudizi sempre più severi contro sé stessi e gli altri sull’altare di una irraggiungibile utopia.

Loop giudicante

Rendendosi conto di queste difficoltà, l’unico modo apparente per uscirne è quello di saperne di più, partecipare a un nuovo corso, sovraccaricarsi di nozioni e nuove teorie in un loop infinito che lentamente demolisce dall’interno. Si arriva a sentirsi in colpa per non essere più felici delle piccole cose e si lotta razionalmente per sentirsi pienamente presenti nel momento, all’agognata ricerca della fuggevole felicità.

A questo proposito, uno studio di Iris Mauss dell’Università della California[2], Berkeley, ha dimostrato che inseguire la felicità la fa scappare. Questa ricerca ha fatto chiaramente emergere la correlazione tra l’inseguire qualcosa e l’essere insoddisfatti di ciò che si ha al momento. Questo significa che ogni spinta al miglioramento è tossica? No, significa che quando una pulsione migliorativa diviene ossessione, si distanzia dal suo fine iniziale e annulla la serenità di vivere il percorso di crescita. Il pensare che “solo al raggiungimento del prossimo obiettivo finalmente saremo felici” ci fa perdere il contatto con il momento presente. Questo, oltre a inibire le facoltà di apprendere da ciò che ci accade, e quindi anche di mettere in pratica efficacemente ciò che abbiamo imparato, ci priva della percezione del bene che ci circonda. Paragonando incessantemente la nostra performance di ogni momento della giornata al risultato che stiamo perseguendo, rischiamo d’innescare un loop di giudizio devastante: l’errore, componente essenziale di ogni apprendimento, viene demonizzato ed evitato il più possibile; il fallimento, e quindi il mettere in discussione la bontà stessa del nostro percorso, diviene totalmente inconcepibile.

Ragione, ad ogni costo

A nessuno piace avere torto, soprattutto su sé stessi e sulle proprie decisioni. Questo fenomeno, che descrive la predisposizione delle persone a sostenere le informazioni che confermano le proprie ipotesi, convinzioni e preconcetti, indipendentemente dall’attendibilità degli stessi, viene denominato bias di conferma[3]. Intrappolati in questo errore del pensiero e nel loop giudicante della crescita personale, il perseguire con ritmo incessante le tappe forzate che ci siamo imposti diventa un sabotaggio quasi impercettibile dal nostro cervello. Siamo convinti di essere nel giusto, e selettivamente andiamo a interpretare le informazioni facendo sempre più difficoltà a metterle in discussione. Ecco che tenderemo a giustificare anche il fatto di sentirci sempre più scollegati dall’ascolto dei bisogni profondi, o il fatto di partecipare a decine di corsi senza mettere in pratica con coerenza alcun concetto appreso. L’importante è farne, e farne il più possibile, collezionare loghi e attestati che alimentano il nostro bias che dolcemente ci sussurra: “anche se non stai applicando nulla, stai facendo tanto per la tua crescita personale, sei sulla buona strada, continua così!”. Lavorare su di sé significa agire e, allo stesso tempo, significa farlo con la consapevolezza che siamo esseri delicati con migliaia di sfumature e di bisogni che spesso nemmeno conosciamo. Quando una formazione o un percorso di crescita sono più incentrati sulla tabella di marcia che non sul vero ascolto dei bisogni di chi lo intraprende ecco che lì, dietro l’angolo, si cela l’ombra di un’altra grande trappola.

Due parole per concludere: accettazione e ascolto

Accettare significa osservare quanto più possibile in modo oggettivo ciò che accade in questo momento, e integrarlo senza sovraccaricarlo di giudizio. Pensiamo a quanto può essere utile quando ragioniamo sui nostri comportamenti, sul nostro modo di comunicare e sul nostro percorso di crescita personale: accettare il fatto che possiamo sbagliare, che ci saranno delle parti di noi che ci piaceranno di meno e con le quali possiamo serenamente convivere, che il percorso di crescita non è un percorso lineare ma è una spirale evolutiva che, se intrapresa con gioia, ci allontana dal delegare la felicità al raggiungimento di un obiettivo e ci permette sempre più di respirarla in ogni momento che viviamo.

Qualunque sia il percorso che si sta intraprendendo, il più profondo e importante lavoro che possiamo fare è conoscere, attraverso l’ascolto, il modo con il quale funziona la nostra mente. Il viaggio dentro di sé, dentro i propri bias comportamentali, dentro le euristiche di pensiero e le convinzioni inconsce, ci supporta nel conoscerci e nel saper individuare ciò che è giusto o meno per noi. Le trappole non vanno temute perché, come ogni errore, ci dicono dove siamo in questo momento nel nostro percorso di crescita. Esse ci donano un’informazione che, se utilizzata con consapevolezza, ci può portare non solo ad accrescere la nostra esperienza, ma anche a scardinare processi mentali distruttivi, avere sempre più strumenti per difenderci dai manipolatori della crescita personale e avvicinarci alla nostra essenza ogni giorno in modo gioioso e amorevole.

Scardinando i meccanismi del perfezionismo e del giudizio dentro di noi possiamo osservare il mondo con occhi maggiormente consapevoli e contribuire a limitare la crescita di questi aspetti anche nella loro naturale ridondanza sociale.

E questo oggi serve, molto.

Fonti:

[1] https://www.grandviewresearch.com/industry-analysis/personal-development-market

[2] https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3160511/

[3] https://www.biorxiv.org/content/10.1101/2021.06.29.450332v1


Scopri Growth Coaching Program, il modello di coaching aziendale per tradurre in risultati concreti le strategie di business.

Compila il form per ricevere Growth Coaching Program direttamente nella tua posta in arrivo.

    A cura di

    Partner Consultant - Coaching, Comunicazione e Leadership

    Profilo autore

      Vuoi approfondire il tema dell'articolo?
      Parliamone insieme!


      Crescere, Organizzare, Organizzazione amministrativa e commerciale

      WORLD ECONOMIC FORUM 2024: cosa è emerso dalla riunione annuale a Davos 01.

      Non sono buone le premesse, ma la prospettiva di trovare soluzioni chiave ai grandi snodi mondiali è a portata di…

      $

      Crescere, Organizzare, Pianificazione e controllo

      Analisi e dati di bilancio: dall’osservazione interna all’analisi esterna 02.

      La seconda riflessione relativa alle analisi basate sui dati di bilancio Questo secondo articolo dedicato alle analisi basate sui bilanci…

      $

      Crescere, Organizzare, Organizzazione amministrativa e commerciale

      C.F.O. e Big Data: perché funzionano. Davvero. 03.

      Secondo capitolo di un’analisi cruciale nella trasformazione del ruolo del C.F.O. in azienda In un precedente articolo abbiamo elencato le…

      $

      Crescere, Organizzare

      Gestione del tempo e delle priorità 04.

      Area Organizzativa – Soft Skills Il settore Retail & GDO è uno dei più complessi, ma anche uno dei più…

      $

      Digitalizzare, Organizzare

      La tracciabilità delle Bevande e del Vetro Cavo 05.

      Premessa L’utilizzo di sistemi digitali fa parte dell’approccio Industria 4.0 al controllo del processo produttivo. La digitalizzazione ha tra i…

      $

      Pianificazione e controllo

      Analisi e dati di bilancio: una connessione da riscoprire 06.

      Al via la nuova serie di riflessioni relative alle analisi basate sui dati di bilancio: 10 occasioni di approfondimento e…

      $

      Crescere, Organizzare, Organizzazione amministrativa e commerciale

      La tua azienda è pronta per il nuovo ERP? 07.

      Quando l’ERP diventa il capro espiatorio di ogni inefficienza aziendale, è il momento di provare a farsi le domande giuste….

      $

      Crescere, Organizzare

      Reclamo al punto vendita: ottima notizia! 08.

      Customer Experience – La gestione del reclamo. “L’azione più motivante che una persona può fare per un’altra è ascoltarla” –…

      $

      Crescere, Organizzare, Organizzazione amministrativa e commerciale

      CFO: un ruolo in evoluzione. Dall’area amministrativa alla gestione globale dell’azienda 09.

      Le trasformazioni e i cambiamenti a cui va incontro il ruolo del CFO con l’avvento dell’economia 4.0 e dell’intelligenza artificiale…

      $

      Crescere, Organizzare

      Spostare il MIX sui freschi sembra sempre l’idea migliore. Oppure no? 010.

      L’area Commerciale e il corretto Mix tra prodotti Freschi e Secchi nella GDO L’aggregazione dei prodotti Secchi e Freschi, e…

      $

      Organizzare, Ottimizzazione dei processi aziendali

      HUB BEVERAGE E VETRO CAVO: un caso pratico di sinergia tra tecnologie di produzione, sostenibilità e Industria 4.0 011.

      Le bevande alimentari ed il vetro cavo rappresentano un importante terreno di applicazione per le moderne tecnologie di produzione e…

      $

      La magia del Reparto Ortofrutta: controlla 15, recuperi 60! 012.

      L’area Gestionale e la gestione “scarti” prodotti deperibili. Sapevi che mettendo sotto controllo solo il 15% dei prodotti freschi più “scartati” del Reparto Ortofrutta, puoi ridurre il…

      $

      “È tempo di agire”: i fattori chiave per allinearsi al mercato 013.

      “Ci sono due tipi di imprese: quelle che cambiano e quelle che scompaiono.” Questa citazione di Philip Kotler è un’istantanea…

      $

      L’agroalimentare: un settore sotto stress 014.

      Gli italiani si trovano ad affrontare un’inarrestabile inflazione, la più alta degli ultimi 40 anni. Questa è dovuta in parte…

      $

      Crescere, Crescita equilibrata e sostenibile, Digitalizzare

      Favorire l’innovazione: organizzare l’azienda per attivare i ricettori e avviare il cambiamento 015.

      In un mondo iper-connesso, con facile accesso praticamente a qualsiasi tecnologia, il rischio di obsolescenza dell’offerta che ha reso grandi…

      $

      HTF Group: nasce Mas Plus, la nuova frontiera nella verticalizzazione settoriale del controllo di gestione  016.

      Orizzonti futuri sempre più vicini  Nuovo traguardo messo a segno da HTF: a pochissimi mesi dalla sua costituzione, la holding…

      $

      Nasce EXOLVE, l’integratore di filiera per la crescita e lo sviluppo delle aziende del serramento. 017.

      Trova nuovi spazi di impresa la riconosciuta competenza di Giuseppe Piazza e Luca Realdon nel mondo del serramento. Una frequentazione…

      $

      Pronto a raccontarci il tuo progetto?

      Voglio essere contattato dal vostro team.

        Scopri di più