Crescita equilibrata e sostenibile, Ottimizzazione dei processi aziendali

LA CENTRALITÀ DELLO “STORE” COME OPPORTUNITÀ DI BUSINESS NEL “DOPOGUERRA” AL COVID-19

Tecnologia e coinvolgimento

Oltre alla tecnologia, nel determinare il contesto competitivo e nel differenziarsi in modo vincente, conterà una logica più complessa, fatta di story–telling, rapporti sociali, abitudini culturali, connessioni con corretti target di riferimento e di tendenza.

Centralità del Retail

Il Made in Italy, la manifattura dei beni buoni (food), belli (fashion-arredo), o complessi (meccanica di precisione, macchine utensili), necessita del terziario, del Retail in particolare, per potersi mantenere competitivo e ripartire dopo il lockdown originato dall’emergenza sanitaria.

In particolare per:
– supportare la produzione del valore, dal concepimento del prodotto alla sua comunicazione

– gestire il “punto vendita” come luogo di comunicazione e di esperienza vera e propria, oltre che di vendita

– riproporre lo “store” come manifesto del ritorno alla normalità

–  fornire servizi di alto contenuto di conoscenza (i KIBS – knowledge intensive business service)

– collegare la produzione agli utilizzatori

Neutralità del “canale” 

La fornitura di esperienze di shopping nitide e tangibili, on line e off line, diventerà sempre più strumento chiave, per migliorare e differenziare la proposta di valore del prodotto, del marchio e del servizio percepito.
Nel punto vendita fisico, un servizio di qualità superiore, la brand experience, l’innovazione, il coinvolgimento e lo story–telling, giustificheranno prezzi più elevati, perché differenzianti.

L’evoluzione dello shopping

Il nuovo target di riferimento per le attività di business e di shopping, destinate ad operare e svilupparsi nei prossimi decenni sono, come ormai certo, i Millennials, i “Digital Native”, le nuove generazioni nate tra l’inizio degli anni ‘80 e la fine degli anni ‘90 (1985 – 1999).

Chi sono i Millennials? 

Il Target Clienti “core”

I Millennials in Italia, sono circa 9 milioni.
Lavorare sul loro customer target, significa avere a che fare con una generazione molto affine alle tecniche di comunicazione. Sono digitali, globali (ma interessati al mondo local) e iperconnessi. Il 97% di loro ha almeno un profilo personale su un social network: escludendo WhatsApp, che rimane la piattaforma di messaggistica più utilizzata, Facebook è ancora fondamentale, seguito da Instagram e Twitter.

Il Target Clienti “more”

La stessa strategia e sensibilità nel cogliere l’attenzione dei Millennials, va replicata verso altri segmenti di Clienti, che hanno scoperto pregi e difetti del “Retail “ on line.
Come sempre, dopo crisi economiche e sociali, i valori tipici di una categoria Clienti diventano trasversali a molte categorie: la salute innanzitutto (proprio come da proverbio), seguita da felicità, tempo libero, libertà e infine la possibilità di sicurezza economica grazie alla carriera lavorativa.

Variabili comuni

Da non sottovalutare sono anche alcune caratteristiche tipiche dei Millennials che si riflettono nelle abitudini di tutti i giorni: l’attenzione all’ambiente, la mobilità, l’apertura e il confronto verso altre culture, probabilmente favorito dalle politiche comunitarie adottate negli anni di studio di questa generazione.
Queste variabili, divengono trasversali e necessarie, all’interno della segmentazione dei Clienti, e delle loro esigenze nuove e vecchie.
Bisogni razionali e aspettative emotive, si sovrappongono.

I Millennials come “browser”

– Un Customer Target di riferimento

– Il principale “motore di ricerca” in rete:
– reattivo
– trend influencer
– dinamico
– duttile
– versatile
– economico

– Nessuna campagna promo pubblicitaria è più potente del loro “endorcement” , inteso come approvazione e appoggio

– Non dimentichiamo che è fondamentale:
– il loro rispetto
– l’ascolto delle loro opinioni
– il loro engagement

I nuovi 3 steps del Retail

  1. Connect
  2. Engage
  3. Inspire

Il nuovo Store Concept

Il negozio non dovrà dimenticare gli altri Customer Target, sia quelli tradizionali, Baby Boomers e X Generation, sia quelli ancora più proiettati verso il futuro, in termini di aspettative e valori:
quelli della i-Generation, nati dal 2000 ad oggi!

Ancora una volta “Crowning the Customer”, e anche se i target di riferimento appaiono diversificati e polverizzati dal mercato e dallo scenario socio-politico-economico, il Cliente continuerà ad essere ancora al centro delle attenzioni del Retailer, che deve proporre quanto da lui richiesto, costantemente allineato a tutte le esigenze di servizio, in un mercato “aumentato”, per un Cliente “aumentato”, in una realtà “aumentata” e dinamica.

A cura di

Partner Consultant - Retail Management

Profilo autore

Crescita equilibrata e sostenibile

Piramidi e cerchi: verso nuovi modelli di coaching 01.

Molti sostengono come il coaching, strumento di crescita e di sviluppo personale e organizzativo, sia uno dei migliori investimenti che imprenditori e aziende possano fare. Tuttavia, nella realtà quotidiana molte imprese, nonostante gli investimenti in formazione e sviluppo delle proprie persone, vedono tiepidi risultati a breve termine collassare su loro stessi una volta terminata l’adrenalina post-intervento motivazionale. Quali sono le principali ragioni alla base di questa incoerenza di fondo tra risultati attesi/sperati e l’impatto reale del coaching?

$

Rimettiamo al centro le persone: l’intervento del Mistery Guest 02.

La figura del Mystery Guest è spesso e volentieri descritta come una mina vagante a cui è meglio fare attenzione, uno spauracchio che aleggia nei corridoi delle strutture. Questa reputazione, tuttavia, trascura completamente il valore che tale figura può restituire: una filosofia di miglioramento che possa aiutare a crescere e che conduca, in modo etico e coerente, a risultati migliori.

$

Crescita equilibrata e sostenibile, Gestione e crescita delle risorse umane

Creare la strategia HR: un esercizio raro. 03.

Disegnare la strategia HR in azienda e pianificarne le attività è un esercizio che appare ai più come un’operazione complessa e di difficile strutturazione.
HR Strategy Canvas è uno strumento a supporto di questo processo che facilita un approccio collaborativo, coinvolgendo tutti gli stakeholder del progetto.

$

Gestione e crescita delle risorse umane

Regolamento aziendale: da documento normativo a guida di orientamento 04.

Nelle Aziende che si evolvono costantemente e in cui le persone richiedono un flusso informativo costante con l’Azienda, cambiano anche…

$

Organizzazione amministrativa e commerciale, Pianificazione e controllo

Controllo di Gestione 4.0: cavalcare l’onda della rivoluzione digitale 05.

È ormai evidente che le Imprese dei nostri giorni si trovino a dover affrontare quotidianamente i diversi cambiamenti prodotti dalla…

$

Gestione e crescita delle risorse umane

La chimica del buon Manager in Azienda 06.

Condividiamo l’articolo pubblicato dal nostro Senior Consultant Michele Prete, fondatore di Ad Maiora Coaching & Training Studio. Nell’ultimo articolo abbiamo…

$

Pronto a raccontarci il tuo progetto?

Voglio essere contattato dal vostro team.

Scopri di più