Crescita equilibrata e sostenibile

LA CENTRALITÀ DELLO “STORE” COME OPPORTUNITÀ DI BUSINESS NEL “DOPOGUERRA” AL COVID-19

di , Partner Consultant – Retail Management

Tecnologia e coinvolgimento

Oltre alla tecnologia, nel determinare il contesto competitivo e nel differenziarsi in modo vincente, conterà una logica più complessa, fatta di story–telling, rapporti sociali, abitudini culturali, connessioni con corretti target di riferimento e di tendenza.

Centralità del Retail

Il Made in Italy, la manifattura dei beni buoni (food), belli (fashion-arredo), o complessi (meccanica di precisione, macchine utensili), necessita del terziario, del Retail in particolare, per potersi mantenere competitivo e ripartire dopo il lockdown originato dall’emergenza sanitaria.

In particolare per:
– supportare la produzione del valore, dal concepimento del prodotto alla sua comunicazione

– gestire il “punto vendita” come luogo di comunicazione e di esperienza vera e propria, oltre che di vendita

– riproporre lo “store” come manifesto del ritorno alla normalità

–  fornire servizi di alto contenuto di conoscenza (i KIBS – knowledge intensive business service)

– collegare la produzione agli utilizzatori

Neutralità del “canale” 

La fornitura di esperienze di shopping nitide e tangibili, on line e off line, diventerà sempre più strumento chiave, per migliorare e differenziare la proposta di valore del prodotto, del marchio e del servizio percepito.
Nel punto vendita fisico, un servizio di qualità superiore, la brand experience, l’innovazione, il coinvolgimento e lo story–telling, giustificheranno prezzi più elevati, perché differenzianti.

L’evoluzione dello shopping

Il nuovo target di riferimento per le attività di business e di shopping, destinate ad operare e svilupparsi nei prossimi decenni sono, come ormai certo, i Millennials, i “Digital Native”, le nuove generazioni nate tra l’inizio degli anni ‘80 e la fine degli anni ‘90 (1985 – 1999).

Chi sono i Millennials? 

Il Target Clienti “core”

I Millennials in Italia, sono circa 9 milioni.
Lavorare sul loro customer target, significa avere a che fare con una generazione molto affine alle tecniche di comunicazione. Sono digitali, globali (ma interessati al mondo local) e iperconnessi. Il 97% di loro ha almeno un profilo personale su un social network: escludendo WhatsApp, che rimane la piattaforma di messaggistica più utilizzata, Facebook è ancora fondamentale, seguito da Instagram e Twitter.

Il Target Clienti “more”

La stessa strategia e sensibilità nel cogliere l’attenzione dei Millennials, va replicata verso altri segmenti di Clienti, che hanno scoperto pregi e difetti del “Retail “ on line.
Come sempre, dopo crisi economiche e sociali, i valori tipici di una categoria Clienti diventano trasversali a molte categorie: la salute innanzitutto (proprio come da proverbio), seguita da felicità, tempo libero, libertà e infine la possibilità di sicurezza economica grazie alla carriera lavorativa.

Variabili comuni

Da non sottovalutare sono anche alcune caratteristiche tipiche dei Millennials che si riflettono nelle abitudini di tutti i giorni: l’attenzione all’ambiente, la mobilità, l’apertura e il confronto verso altre culture, probabilmente favorito dalle politiche comunitarie adottate negli anni di studio di questa generazione.
Queste variabili, divengono trasversali e necessarie, all’interno della segmentazione dei Clienti, e delle loro esigenze nuove e vecchie.
Bisogni razionali e aspettative emotive, si sovrappongono.

I Millennials come “browser”

– Un Customer Target di riferimento

– Il principale “motore di ricerca” in rete:
– reattivo
– trend influencer
– dinamico
– duttile
– versatile
– economico

– Nessuna campagna promo pubblicitaria è più potente del loro “endorcement” , inteso come approvazione e appoggio

– Non dimentichiamo che è fondamentale:
– il loro rispetto
– l’ascolto delle loro opinioni
– il loro engagement

I nuovi 3 steps del Retail

  1. Connect
  2. Engage
  3. Inspire

Il nuovo Store Concept

Il negozio non dovrà dimenticare gli altri Customer Target, sia quelli tradizionali, Baby Boomers e X Generation, sia quelli ancora più proiettati verso il futuro, in termini di aspettative e valori:
quelli della i-Generation, nati dal 2000 ad oggi!

Ancora una volta “Crowning the Customer”, e anche se i target di riferimento appaiono diversificati e polverizzati dal mercato e dallo scenario socio-politico-economico, il Cliente continuerà ad essere ancora al centro delle attenzioni del Retailer, che deve proporre quanto da lui richiesto, costantemente allineato a tutte le esigenze di servizio, in un mercato “aumentato”, per un Cliente “aumentato”, in una realtà “aumentata” e dinamica.

A cura di

Partner Consultant - Retail Management

Profilo autore

Business process reingineering e Industry 4.0, Internazionalizzazione dei mercati, Ottimizzazione dei processi aziendali

Focus Macchine Utensili 01.

Recentemente un gruppo di consulenti di Oriens ha dato vita ad una serie di “Agile Meeting” per approfondire le dinamiche…

$

Gestione e crescita delle risorse umane

Regolamento aziendale: da documento normativo a guida di orientamento 02.

di Mauro Brunello, Coordinatore Area Risorse Umane Nelle Aziende che si evolvono costantemente e in cui le persone richiedono un…

$

Organizzazione amministrativa e commerciale, Pianificazione e controllo

Controllo di Gestione 4.0: cavalcare l’onda della rivoluzione digitale 03.

È ormai evidente che le Imprese dei nostri giorni si trovino a dover affrontare quotidianamente i diversi cambiamenti prodotti dalla…

$

Gestione e crescita delle risorse umane

La chimica del buon Manager in Azienda 04.

Condividiamo l’articolo pubblicato dal nostro Senior Consultant Michele Prete, fondatore di Ad Maiora Coaching & Training Studio. Nell’ultimo articolo abbiamo…

$

Pronto a raccontarci il tuo progetto?

Voglio essere contattato dal vostro team.

Scopri di più