4 Febbraio 2022

Creare imprese femminili: allocazione delle risorse

È stato pubblicato in gazzetta Ufficiale il Decreto del 24 novembre 2021 “Disposizioni per il sostegno finanziario a valere sulle risorse del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) degli interventi previsti dall’investimento 1.2 «Creazione di imprese femminili» del medesimo Piano”, firmato dal Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro per le Pari Opportunità e la Famiglia, che alloca le risorse sui vari strumenti presto operativi a sostegno dell’Imprenditoria femminile.

Il decreto è volto a consentire la realizzazione dell’investimento 1.2 «Creazione di imprese femminili», previsto nella Missione 5 «Inclusione e coesione», Componente 1 «Politiche per l’occupazione» del PNRR attraverso gli interventi del
– Fondo impresa femminile
– della misura NITO-ON e
– della misura Smart&Start Italia
e detta, ai predetti fini, le necessarie indicazioni per il sostegno finanziario a valere sulle risorse del PNRR degli interventi attivati nell’ambito delle predette misure.

RIPARTIZIONE DELLE RISORSE DISPONIBILI E GESTIONE DEGLI INTERVENTI

L’ammontare delle risorse del PNRR destinate all’investimento «Creazione di imprese femminili», pari a complessivi euro 400.000.000,00, è ripartito secondo i seguenti importi:

a) euro 160.000.000,00 per gli interventi a valere sul Fondo impresa femminile (cd. Fondo impresa Donna). Le predette risorse sono ulteriormente ripartite tra gli interventi di cui ai Capi II e III del decreto 30 settembre 2021, nella seguente misura:
a.1) un importo pari a euro 38.800.000,00 è destinato agli interventi del capo II, recante «Incentivi per la nascita delle imprese femminili»;
a.2) un importo pari a euro 121.200.000,00 è destinato agli interventi del capo III, recante «Incentivi per lo sviluppo e il consolidamento delle imprese femminili»;

b) euro 100.000.000,00 per gli interventi a favore delle imprese femminili a valere sulla misura NITO-ON (Nuove imprese a tasso zero) gestita da Invitalia;

c) euro 100.000.000,00 per gli interventi a favore delle imprese femminili a valere sulla misura Smart&Start Italia:
– Le restanti risorse destinate all’investimento «Creazione di imprese femminili», nel limite di euro 40.000.000,00,  sono utilizzate per l’attuazione di misure di accompagnamento, monitoraggio e campagne di comunicazione, con facoltà, ove utile alla migliore realizzazione delle iniziative, di attivare sinergie, anche in forma di concorso finanziario su progetti di comune interesse, con gli interventi per la diffusione della cultura e la formazione imprenditoriale femminile, individuati dal capo V del decreto 30 settembre 2021;

– Una quota di dette risorse pari ad euro 1.200.000,00 è utilizzata dal Dipartimento per le pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei ministri per la realizzazione di campagne pluriennali di informazione e comunicazione;

– Un importo pari almeno al 40% delle risorse complessive assegnate per gli interventi di incentivazione alle imprese è destinato al finanziamento di progetti da realizzare nelle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

La gestione delle risorse del PNRR destinate alle misure e gli adempimenti necessari all’attuazione dell’intervento «Creazione di imprese femminili» sono affidati al soggetto gestore previa stipula di un apposito accordo di finanziamento tra il Ministero e il medesimo soggetto gestore, con il quale sono definiti i compiti di esecuzione di quest’ultimo.

CONDIZIONI PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO DEL PNRR

L’ammissibilità al finanziamento a valere sulle risorse del decreto dei programmi di investimento e dei piani di impresa presentati nell’ambito delle misure è subordinata alla verifica della conformità alle disposizioni nazionali e europee di riferimento e l’accesso alle agevolazioni è valutato sulla base dei seguenti elementi:
a) rispetto del divieto di doppio finanziamento, per cui i programmi e piani di impresa non devono avere ottenuto un finanziamento per gli stessi costi a valere su altri programmi e strumenti dell’Unione europea;
b) rispetto del principio sancito dall’art. 17 del regolamento (UE) 2020/852 di «non arrecare un danno significativo» (principio DNSH) contro l’ambiente;
c) concorso al raggiungimento dell’«obiettivo digitale»;
d) conformità alle ulteriori disposizioni nazionali ed europee di riferimento.

Gli elementi di cui al comma 1 sono verificati dal soggetto gestore in sede di istruttoria delle domande di agevolazione e monitorati nel corso della realizzazione dei programmi finanziati, anche attraverso l’indicazione di specifica documentazione e di dichiarazioni da produrre da parte delle imprese beneficiarie, ai fini della fruizione e del mantenimento delle agevolazioni concesse. Con successivi provvedimenti del Ministero, per ciascuna delle misure,  sono fornite le disposizioni di dettaglio in merito ai pertinenti obblighi in capo alle imprese beneficiarie e alle verifiche operate dal soggetto gestore, anche tenuto conto delle istruzioni tecniche all’uopo impartite dal Servizio centrale per il PNRR presso il Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato e della disciplina adottata dalle competenti strutture di Governance del Piano.

Con i medesimi provvedimenti sono, altresì, specificati:
a) le condizioni per il rispetto del principio DNSH, ivi comprese esclusioni di carattere settoriale;
b) le modalità per assicurare che l’investimento «Creazione di imprese femminili» contribuisca all’obiettivo digitale garantendo, in particolare, il rispetto del «tagging» stimato pari al 40%;
c) gli adempimenti connessi agli obblighi di rilevazione e imputazione dei dati nel sistema informativo adottato per il monitoraggio sull’avanzamento procedurale, fisico e finanziario dei progetti e gli ulteriori adempimenti per finalità di monitoraggio previste dalle norme europee o nazionali;
d) gli obblighi in materia di comunicazione e informazione previsti dall’art. 34 del regolamento (UE) 2021/241, incluse le dichiarazioni da rendere in relazione al finanziamento a valere sulle risorse dell’Unione europea – NextGenerationEU e le modalità di valorizzazione dell’emblema dell’Unione europea;
e) gli obblighi di conservazione della documentazione progettuale, che, nelle diverse fasi di controllo e verifica previste dal sistema di gestione e controllo del PNRR, dovrà essere messa prontamente a disposizione su richiesta del Ministero, del Servizio centrale per il PNRR, dell’Unità di Audit, della Commissione europea, dell’OLAF, della Corte dei conti europea, della Procura europea e delle competenti Autorità giudiziarie nazionali;
f) l’eventuale destinazione delle risorse nella disponibilità del Ministero al rafforzamento finanziario di interventi previsti;
g) le ulteriori disposizioni operative volte ad assicurare il rispetto delle disposizioni nazionali ed europee di riferimento.

Il Ministero, in ogni caso, presidia e vigila, fornendo al soggetto gestore le direttive occorrenti, sul rispetto delle condizioni e delle tempistiche previste per il raggiungimento dei risultati dell’investimento «Creazione di imprese femminili», così come individuati in allegato alla decisione di esecuzione del Consiglio del 13 luglio 2021 e dai successivi eventuali atti modificativi e integrativi e adotta le opportune misure per tutelare gli interessi finanziari dell’Unione europea e per garantire il corretto utilizzo dei fondi.

Per un’analisi di fattibilità o informazioni su come usufruire di tali agevolazioni scrivi all’indirizzo f.galasso@oriens.consulting

A cura di

Partner Consultant - Finanza agevolata

Profilo autore

    Vuoi approfondire il tema dell'articolo?

    Parliamone insieme!



    Leggi anche

    40 milioni per investimenti imprenditoria femminile 01.

    Sabato 2 ottobre, il MISE ha comunicato che il Ministro…

    $

    Digitalizzare, Internazionalizzazione dei mercati

    Registrazione webinar – Nuovi strumenti per la transizione digitale e l’internazionalizzazione 02.

    Come l’imprenditore può essere supportato nella transizione digitale e nello sviluppo nei mercati stranieri? Rivedi la registrazione del webinar “Nuovi strumenti per la transizione digitale e l’internazionalizzazione”

    $

    Data e Analytics, Organizzazione amministrativa e commerciale, Pianificazione e controllo

    Registrazione webinar – Portafoglio aziendale sotto controllo 03.

    Rivedi il webinar “Portafoglio aziendale sotto controllo” e scopri come fornire all’Imprenditore una visione immediata e personalizzata della situazione finanziaria aziendale.

    $

    Pronto a raccontarci il tuo progetto?

    Voglio essere contattato dal vostro team.

      Scopri di più