Skip to content
Consulenza

Finance

Il Finance secondo Oriens

Obiettivo: trasformare l’area amministrativa da reparto in cui vengono realizzati gli adempimenti contabili e fiscali obbligatori per legge, a centro di generazione di Valore.

In questo modo diventa possibile fornire all’imprenditore informazioni che gli consentono di gestire la crescita e il cambiamento della propria azienda.

Come si possono ottenere risultati?

Attraverso l’analisi dei processi amministrativi e finanziari esistenti, senza trascurare la disponibilità dei dati e delle tecnologie per ottenerli, Oriens elabora insieme all’azienda un piano di specifiche reportistiche, formando chi le deve produrre e chi deve gestire e prendere decisioni. Il punto di partenza però lo fanno gli obiettivi economico finanziari dell’azienda.

Pianificazione economica, finanziaria e patrimoniale expand_more

Le idee e le strategie possono essere descritte a livello quantitativo tramite elaborazioni economiche, finanziarie e patrimoniali di medio-lungo periodo: tali elaborazioni sono lo strumento necessario per comunicare a terzi le prospettive di ciascuna azienda.

 

Elaborazione e stesura del business plan 

Il business plan è un’elaborazione che permette di evidenziare la pianificazione a medio-lungo termine della gestione aziendale, sia ad uso della Direzione aziendale stessa, sia dei soggetti terzi (soprattutto banche e finanziatori).

 

Elaborazione delle previsioni economiche 

È necessario individuare i principali obiettivi economici dell’azienda, anche tramite simulazioni che guideranno la Direzione nella gestione della stessa: ricavi e costi, quindi, saranno previsti e stimati, oltre che collocati all’interno della corretta area aziendale. Così la sintesi economica che emergerà, permetterà, in un secondo momento, di valutare la reddittività della strategia adottata.

 

Analisi dei flussi di cassa previsionali 

L’analisi dei flussi di cassa è uno strumento necessario per la gestione finanziaria di ogni azienda: si tratta di prevedere in modo analitico il fabbisogno finanziario dell’impresa nel breve periodo.

 

Analisi della struttura patrimoniale di medio-lungo termine 

La pianificazione patrimoniale permette di prevedere:

  • La struttura del capitale circolante e del capitale immobilizzato;
  • La composizione dei mezzi propri e dei mezzi di terzi.

 

Finance Best Practice 

L’area amministrativa deve poter rappresentare un supporto alla Direzione nel miglioramento delle performance aziendali, passando quindi dall’essere un centro di costo ad una risorsa capace di generare valore per l’azienda.

Come?

  1. Attuando un percorso di crescita in linea con i cambiamenti normativi e le logiche della trasformazione digitale;
  2. Migliorando e rendendo più efficienti i processi già in uso, nonché implementando nuove procedure;
  3. Adottando una corretta gestione della contabilità di clienti, fornitori, banche e magazzino;
  4. Implementando un sistema amministrativo e contabile basato anche, se necessario, sulla ripartizione equilibrata delle attività fra i membri dell’ufficio amministrativo stesso.

 

Analisi di Benchmark 

Il risultato dell’attività di impresa e delle scelte imprenditoriali effettuate trovano una loro rappresentazione all’interno del bilancio d’esercizio: questo, infatti, dovrebbe esprimere in modo oggettivo la misura delle prestazioni.

Ma c’è di più: un esame analitico del bilancio consente di individuare ed organizzare una grande quantità di informazioni, utili sotto diversi aspetti. Quest’analisi, inoltre, può essere effettuata in modo efficace sia internamente, ovvero sul bilancio della propria azienda, sia esternamente, grazie al principio della pubblicità dei bilanci.

A partire da ciò è possibile quindi individuare un panel di competitor ed effettuare un’analisi di benchmark competitivo, che permette di individuare i punti di forza e di debolezza di un’azienda.

Una volta individuati questi punti di forza e debolezza, è utile elaborare una serie di azioni concrete che l’azienda dovrà porre in essere per perseguire i suoi obiettivi di miglioramento, e che dovranno essere monitorate periodicamente per tendere agli obiettivi di benchmark prefissati.

Fasi:

  1. Conoscenza dell’azienda e dei concorrenti;
  2. Analisi di bilancio e per indici;
  3. Individuazione dei competitori, del panel di settore e del benchmark;
  4. Analisi della concorrenza e benchmarking;
  5. Monitoraggio delle prestazioni
Competitività orientata ai costi expand_more

La corretta valutazione e gestione dei costi rappresenta uno strumento strategico nell’impostazione del business aziendale. Questa infatti permette di:

  • Realizzare risparmi e profitti aggiuntivi;
  • Rafforza la propria competitività sul mercato, grazie a politiche commerciali e promozionali che puntano a stabilire un adeguato prezzo di vendita dei prodotti;
  • Nel lungo termine, supportare le decisioni sui progetti di investimento in nuovi prodotti, nuove linee o altro.
Budget e controllo di gestione 4.0 expand_more

Un controllo di gestione efficace e tempestivo consente di misurare con precisione il risultato delle decisioni assunte.

Per fare ciò è necessario:

  • Approfondire gli elementi più rilevanti della gestione aziendale, tramite analisi quantitative, prospettiche e consuntive;
  • Elaborare le analisi svolte tramite strumenti, quali i cruscotti di Business Intelligence;
  • Individuare l’insieme delle informazioni che consentono di analizzare in tempo reale le performance aziendali;
  • Inserire le informazioni di cui sopra all’interno di idonei pannelli di controllo.

 

BUDGET E REPORTING

  1. Definizione del programma aziendale;
  2. Elaborazione del budget di esercizio (operativo, economico, finanziario e patrimoniale);
  3. Definizione dei processi di consuntivazione e dei prospetti di reporting periodici con l’analisi degli scostamenti.

 

FORECASTING

Sulla base delle elaborazioni di budget e dei consuntivi periodici, è necessario poi aggiornare le previsioni dei risultati di esercizio.

 

DEFINIZIONE DEI PRINCIPALI KPI ECONOMICI, FINANZIARI E PATRIMONIALI

Devono essere poi individuati gli indicatori chiave di prestazione (KPI): questi permetteranno di determinare quantitativamente in quale misura gli obiettivi prefissati sono stati raggiunti, monitorando quindi le prestazioni in modo oggettivo.

Bank Rating Advisory expand_more

Tramite l’analisi dei dati di bilancio e della Centrale dei Rischi è possibile formulare il “rating bancario”, ovvero la valutazione finanziaria e andamentale dell’azienda secondo la logica seguita dal sistema bancario per l’attribuzione del merito creditizio: così è possibile individuare i punti di forza e di debolezza nei confronti delle banche. A partire da questo, è possibile poi stilare un percorso di miglioramento che possa portare vantaggi concreti all’azienda.

Fasi:

  1. Analisi: viene effettuata sulla documentazione contabile ed extra contabile, interne ed esterna, storica e prospettica, così da evidenziare le componenti di rischio dell’attività, la sua storia e l’esposizione bancaria dell’azienda;
  2. Strutturazione: viene progettato un sistema di pianificazione e monitoraggio periodico per prevedere ed individuare gli scostamenti e poter così aggiustare gli elementi che potrebbero determinare una variazione in negativo del giudizio di meritevolezza;
  3. Ricomposizione: riconsolidamento tra investimenti a breve e a medio-lungo termine e verifica delle capacità dei margini netti di pagare gli interessi passivi;
  4. Costruzione: generazione della reportistica finanziaria dell’azienda per facilitare il rapporto con il sistema bancario, grazie all’elaborazione di business plan e indici con tecniche di analisi di bilancio che possano ridurre le asimmetrie informative con gli enti erogatori di finanza.
Agevolazioni e finanziamenti expand_more

Ormai è di uso comune parlare di Finanza Agevolata, anche se una definizione economica ufficiale ancora manca.

Possiamo sintetizzarla come una specializzazione della finanza aziendale dedicata al reperimento di incentivi per le imprese a condizioni migliori rispetto a quelle di mercato.

Le fonti di finanziamento possono essere messe a disposizione da Unione Europea, Stato, Regione, Province e possono essere:

  1. Contributi a fondo perduto
  2. Finanziamenti a tasso agevolato
  3. Agevolazioni fiscali
  4. Strumenti di intervento nel capitale di rischio
  5. Garanzia del credito

 

Oriens affianca la tua azienda su tre direttive:

  • Informazione costante sulle agevolazioni esistenti: tramite invio di newsletter e pubblicazione di articoli sul nostro sito e sui social, la tua azienda è informata sugli strumenti di finanza agevolata nazionali, regionali o locali attivi
  • Analisi del budget degli investimenti e della loro finanziabilità: all’interno della pianificazione economico finanziaria della tua società, si innesta il nostro servizio di budget finanziario agevolato che pianifica le entrate a fronte di tutte le spese finanziabili
  • Ricerca di agevolazioni a fronte di investimenti specifici: dopo un primo incontro di approfondimento e di raccolta informazioni sulle tue specifiche necessità di spesa, ricerchiamo la misura agevolativa più adatta.
Risorse

I Documenti dell'Area Finance

Scarica le risorse a disposizione per approfondire la tematica Finance in azienda e iniziare subito il cambiamento:

  • Cash Flow Strategy Board, un approfondimento che mira a coinvolgere l’imprenditore nella gestione attiva e strategica della liquidità aziendale
  • Strategie per il Bank Rating, idee e leve per migliorare l’appeal bancario della tua azienda, aiutando l’impresa a comprendere i comportamenti del sistema bancario
Scopri il nostro team

Team

Filtra gli approfondimenti: